Responsabile: Dott. Pier Luigi Attili DVM Collaboratore esterno specialista: Dott. Cristian Falzone Dipl. ECVN

Risonanza magnetica

La risonanza magnetica rappresenta oggi, anche in medicina veterinaria, la metodica di elezione per lo studio del sistema nervoso e dell’apparato locomotore dell’animale, consentendo la diagnosi di malattie neurologiche ed ortopediche senza ricorrere  a metodiche invasive.

La risonanza magnetica è un esame diagnostico sicuro basato sull’uso dei campi magnetici. Sono immagini anatomiche digitalizzate, non invasive, che non usano, e da qui la loro innoquità, radiazioni iodate come nel caso dei raggi X (RX) e la Tomografia Assiale Computerizzate (TAC).

Ha il vantaggio di produrre immagini  in qualunque piano, senza bisogno di ricollocare l’animale, apportando una migliore risoluzione spaziale, miglior contrasto tra i tessuti, ed incremento della sensibilità ai processi patologici. Inoltre ogni lesione viene studiata in più sequenze per poter valutare le variazioni di segnale e caratterizzarle al meglio, permettendoci di distinguere, per esempio, lesioni vascolari, infiammatorio e neoplastiche.

L’esame di risonanza magnetica viene effettuato, in medicina veterinaria, in anestesia generale e in alcuni casi si prevede la somministrazione  del mezzo di contrasto paramagnetico, il gadolinio, per via endovenosa.

Questa tecnologia applicata alla medicina veterinaria ci consente di effettuare diagnosi molto precise su patologie spesso curabili, sia chirurgicamente che farmacologicamente.

Vuoi avere informazioni o richiedere un appuntamento?

Scrivici e ti contatteremo in tempi brevi oppure contattaci via Whatsapp al numero

324 0406187